Conservazione della principale popolazione europea di Berta maggiore mediterranea Calonectris diomedea e altri uccelli pelagici nelle Isole Pelagie

Programma LIFE +

Programma LIFE+ Il programma LIFE+ finanzia progetti che contribuiscono allo sviluppo e all’attuazione della politica e del diritto in materia ambientale. Questo programma facilita in particolare l’integrazione delle questioni ambientali nelle altre politiche e, in linea più generale, contribuisce allo sviluppo sostenibile. Il programma LIFE+ sostituisce una serie di strumenti finanziari dedicati all’ambiente, fra i quali il precedente programma LIFE. ATTO Regolamento (CE) n. 614/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 maggio 2007, riguardante lo strumento finanziario per l’ambiente (LIFE+). SINTESI Come si evince dal nome, il programma LIFE+ fa seguito al programma LIFE avviato nel 1992. Come il suo predecessore, LIFE+ cofinanzia progetti a favore dell’ambiente nell’Unione europea (UE) e in taluni paesi terzi (paesi candidati all’adesione all’UE, paesi dell’EFTA membri dell’Agenzia europea dell’ambiente, paesi dei Balcani occidentali interessati dal processo di stabilizzazione e associazione). I progetti finanziati possono essere proposti da operatori, organismi o istituti pubblici e privati. Tre componenti tematiche Il programma LIFE+ prevede tre componenti tematiche:

  • LIFE+ “Natura e biodiversità”,
  • LIFE+ “Politica e governance ambientali” e
  • LIFE+ “Informazione e comunicazione”.

Il programma strategico pluriennale di cui all’allegato II del presente regolamento illustra nei dettagli le aree di intervento prioritarie.  Durata e risorse di bilancio La dotazione finanziaria di LIFE+ è pari a 2 143,409 milioni di euro per il periodo che va dal 1° gennaio 2007 al 31 dicembre 2013. Selezione dei progetti Ogni anno la Commissione pubblica un invito a presentare proposte tenendo conto del programma strategico pluriennale di cui all’allegato II e delle eventuali priorità nazionali che le sono trasmesse. La Commissione stabilisce quali progetti, tra quelli pervenuti, possono beneficiare del sostegno finanziario di LIFE+ e pubblica regolarmente l’elenco di tali progetti. Criteri di ammissibilità I progetti finanziati devono rispondere ai criteri seguenti:

  • rivestire un interesse comunitario contribuendo allo sviluppo, all’attuazione e all’aggiornamento della politica e della legislazione comunitarie nel settore dell’ambiente;
  • essere coerenti e fattibili sotto il profilo tecnico e finanziario, e presentare un rapporto costi-benefici soddisfacente;
  • soddisfare almeno uno dei criteri seguenti:
    • riguardano le migliori pratiche o la dimostrazione in materia di protezione degli uccelli selvatici o degli habitat,
    • sono progetti innovativi o di dimostrazione a livello comunitario attinenti ad obiettivi della politica in materia di ambiente,
    • sono campagne di sensibilizzazione o di formazione nel campo della prevenzione degli incendi boschivi,
    • riguardano il monitoraggio a lungo termine e su larga base, armonizzato e completo, delle foreste e delle interazioni ambientali.

Tipologie di intervento Il finanziamento comunitario può assumere svariate forme:

  • sovvenzioni (accordi quadro di partenariato, partecipazione a meccanismi finanziari o a fondi, cofinanziamento di sovvenzioni di funzionamento o per azioni),
  • appalti pubblici (acquisizione di servizi e beni).

Programmazione Almeno il 78 % delle risorse di bilancio per LIFE+ è usato per sovvenzioni di azioni per progetti. Il cofinanziamento delle sovvenzioni per azioni ammonta al massimo al 50 % dei costi ammissibili; per i progetti di protezione di habitat o di specie prioritarie, tuttavia, LIFE+ può finanziare fino al 75 % di questi costi. Almeno il 50 % dei fondi stanziati per interventi concreti nei progetti sono destinati alla conservazione della natura e della biodiversità. D’altra parte almeno il 15 % dei fondi destinati a sovvenzioni per azione per dei progetti sono riservati a progetti transnazionali. I progetti cofinanziati devono essere ripartiti in modo proporzionale dalla Commissione. Quest’ultima fissa delle ripartizioni annue a titolo indicativo per i periodi 2007-2010 e 2010-2013, in base alla popolazione complessiva e alla densità demografica di ogni Stato membro; nonché alla superficie delle aree di importanza comunitaria di ciascun Stato membro e la parte del territorio di ogni Stato membro coperta da siti di importanza comunitaria. Gli Stati privi di sbocco sul mare possono beneficiare di fondi aggiuntivi. Complementarità tra strumenti finanziari LIFE+ non finanzia le misure che soddisfano i criteri di ammissibilità di altri strumenti finanziari comunitari o che beneficiano già del sostegno di tali strumenti, quali: il fondo europeo di sviluppo regionale, il fondo sociale europeo, il fondo di coesione, il fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, il programma quadro per la competitività e l’innovazione, il fondo europeo della pesca o il Settimo programma quadro di attività comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione. Monitoraggio e controllo La Commissione garantisce il controllo dei finanziamenti, il follow up dell’attuazione dei progetti e, se del caso, il recupero delle somme indebitamente percepite e l’attuazione delle azioni finanziate. La Commissione effettuerà, entro il 30 settembre 2010, una revisione intermedia di LIFE+. Contesto LIFE+ sostituisce vari programmi finanziari esistenti (il programma LIFE, il programma di cooperazione per lo sviluppo sostenibile dell’ambiente urbano, il programma per la promozione delle organizzazioni non governative e Forest Focus)), al fine di riunirli in un unico insieme di regole e procedure decisionali e consentire un orientamento più coerente e dunque una maggiore efficacia dell’azione comunitaria. I finanziamenti impegnati nell’ambito di tali programmi prima dell’entrata in vigore di LIFE+ sono assoggettati alle stesse regole fino al loro completamento. ATTI COLLEGATI Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio del 30 settembre 2010, intitolata «Esame a metà percorso del regolamento LIFE+ [COM(2010)516 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

PORTALE DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Beneficiario Coordinatore
Università degli Studi
di Palermo
DIPARTIMENTO SCIENZE AGRARIE E FORESTALI
Beneficiario Associato
Dipartimento Regionale Azienda Regionale
Foreste Demaniali

Beneficiario Associato
Fare Ambiente
Movimento Ecologista Europeo
Coordinamento Regionale della Sicilia
Beneficiario Associato
Legambiente
Comitato Regionale
Siciliano
ONLUS
Contatore visite gratuito